Le concubine del pianeta Zofar

Non siamo noi a trovarle, le storie. Sono loro che trovano noi.

Questo romanzo mi ha strattonato a viva forza per essere scritto, ha atteso pazientemente in disparte un’estate intera, mi ha convinto a terminarlo, a rivederlo, a proporlo, a credere in un’ibridazione di generi che farà storcere la bocca ai più.

Ma doveva venire alla luce, in un modo o nell’altro. Lo pretendeva.

Ora vive di vita propria, parla ai lettori di cose che non sapevo neanche di avervi infuso, fa loro immaginare mondi che mi resteranno per sempre preclusi.

È così che deve essere. Non mi appartiene più.

Lo guardo veleggiare lontano, e aspetto che la prossima storia mi chiami e mi attraversi per diventare anch’essa il sogno di qualcun altro.

Cover senza sfumature 72 bassa

Due pianeti contrapposti da un odio secolare, un popolo umiliato e asservito dopo una guerra totale. Un conquistatore diverso dagli altri sbarca su un mondo sconfitto e radioattivo, e sceglie una schiava dai capelli rossi per farne la sua concubina e portarla con sé su un eden lontano. Appartengono a due specie umanoidi, ma aliene tra loro, separate dai ricordi di tremende crudeltà e da un’inimicizia viscerale; scoppia tra di loro una potente attrazione fisica, ma non basta. Se non riusciranno a dare spazio anche all’affetto e alla fiducia, nulla potrà salvarli dalla furia omicida e dai complotti manovrati da coloro ai quali hanno giurato fedeltà.

Le concubine del Pianeta Zofar

Delos Digital – Collana Senza Sfumature
Novembre 2015

Annunci